Oltre 6.000 persone ucraine in fuga dalla guerra accolte nelle diocesi italiane a inizio aprile. Ospitate ovunque, dal Trentino Alto Adige alla Sicilia. E in Sicilia andiamo, al centro dell’isola, tra le colline di Caltanissetta. Nella diocesi sono presenti 50 profughi ucraini. Ucraina è anche Natalia Strygunova, che dieci anni fa si è trasferita a Caltanissetta da Kirchev. Alla frontiera con il Paese invaso si è recato, invece, Giuseppe Paruzzo, direttore della Caritas diocesana di Caltanissetta. | Microstoria dalla Repubblica del Congo: nel villaggio di Markana è finalmente arrivata l’acqua potabile.

X